Un’ora e mezzo per cambiare il mondo

12A-Tozzi Baglioni

Un’ora e mezzo per cambiare il mondo

Mario Tozzi, Lorenzo Baglioni

Metti un giorno a pranzo con amici. Un’ora o poco più, diciamo un’ora e mezzo: per discutere di come il clima stia cambiando e con esso i destini del Pianeta. Gli amici sono Mario Tozzi e Lorenzo Baglioni: un geologo divulgatore scientifico diventato famoso in tv ed un cantautore e comico. Il tema è serio, la tesi appare quasi un’iperbole: «Un’ora e mezza per salvare il mondo». Perché ognuno di noi, sottolineano, può fare, e subito, la sua parte per combattere il riscaldamento globale, contrastando “egoismo, ignoranza e malafede” di chi si accoda alle tesi negazioniste che vorrebbero negare i cambiamenti climatici.

Autore

Mario Tozzi è Primo Ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche. È presidente del Parco Regionale dell’Appia Antica ed è membro del Consiglio Scientifico del WWF. Conduttore di programmi televisivi e radiofonici, ha scritto molti libri tra cui Italia segreta (2008), Pianeta Terra ultimo atto (2012), Tecnobarocco (2015) e Paure fuori luogo (2017). Lorenzo Baglioni dopo essersi laureato in matematica all’Università degli Studi di Firenze e aver insegnato per alcuni anni nelle scuole superiori, nel 2012 decide di dedicarsi a tempo pieno al mondo del teatro e dello spettacolo. Lavora come cantante, attore, e autore nei progetti che idea e scrive con il fratello Michele.

Recensioni

Adesso è arrivato il momento di partecipare al nostro gioco. Se hai letto il libro, qui sotto potrai scrivere la tua recensione.

La recensione potrà essere letta solo da te e dagli amministratori del sito, per questo motivo non vedrai le recensioni dei tuoi compagni.

Buon lavoro!

8 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alessandro Paolini
6 mesi fa

Io penso che questo libro sia molto bello.

è scritto molto bene ed molto profondo, inoltre è adatto a tutte le età.

Consiglio a tutti di leggerlo.

mattia cacciari
5 mesi fa

Questo libro è stato un pugno nello stomaco e mi ha fatto anche arrabbiare parecchio. Che avevano nella testa le generazioni venute prima della mia?! Com’è possibile che siamo arrivati a questo punto!? Perché guardandomi intorno molta gente non è per niente preoccupata dei cambiamenti climatici, del riscaldamento globale e dello scioglimento dei ghiacciai?!

Credo che TUTTI dovrebbero leggere questo libro che mi ha aperto gli occhi sulla situazione in cui siamo ora, su dove finiremo se continuiamo a fregarcene dell’inquinamento e come fare nel mio piccolo la mia parte, per cercare di cambiare le cose. Questa lettura mi ha fatto riflettere e preoccupare molto: è il mio futuro ad essere messo a rischio da chi non si preoccupa del riscaldamento globale, sono i miei progetti e quelli di tutta la mia generazione che potrebbero sfumare per l’ignoranza e la cecità delle generazioni passate. Il libro è scritto molto bene e arriva dritto al punto, spiegando in maniera completa l’attuale situazione ambientale; non è il solito saggio noioso, affronta l’argomento dei cambiamenti del clima in modo pratico e comprensibile per tutti, anche per chi non ne ha mai sentito nemmeno parlare; affronta gli argomenti con citazioni di canzoni, storie, altri metodi ed esempi per trasmettere il messaggio anche ai lettori che conoscono meno l’argomento e per informarli sulla gravità della situazione.

È stata un’ottima idea degli scrittori mettere, a fine libro, una specie di legenda dove sono spiegati tutti i termini più complessi presenti nel libro.

Mi ha colpito molto la riflessione su quanto la razza umana sia abitudinaria e così attaccata alle sue abitudini che non le cambia, nemmeno se queste sono fortemente dannose per sé e per tutti gli altri.

In conclusione, posso garantire che questo è un libro ottimo, che tratta un argomento urgente in maniera lucida e precisa e che mi ha spinto a migliorarmi (da quando ho finito il libro cerco di inquinare meno, seguendo i semplici consigli del libro e credo che andrò alla prossima manifestazione per il clima). Vorrei venissero stampate centinaia di copie di questo volume e date ai politici e agli uomini di potere, per fargli capire che non si può più rimandare, come dice il libro:” È ora il momento di agire!”.

Tommaso Baroncelli
5 mesi fa

Il libro è molto bello ed informativo, avvolte divertente ed altre spaventoso, l’unica cosa che mi ha dato un po’ fastidio è il fatto che i grafici siano al centro del libro e che non venga detto prima, e che questi grafici sono fatti in quella che sembra essere carta plastificata, in un libro che parla dell’inquinamento ambientale e del riscaldamento globale.

Lorenzo Pampaloni
4 mesi fa

Un libro molto leggero, veloce da leggere e soprattutto interessante perché riesce a spiegare in modo molto dettagliato il problema del riscaldamento globale e a fare chiarezza su di esso, smentendo molte fake news, tutto ciò con un linguaggio molto semplice.

Francesco Pratesi
3 mesi fa

Questo libro mi è piaciuto, avevo deciso di leggerlo perchè sono interessato all’argomento del riscaldamento globale e volevo approfondire l’argomento. Sono rimasto sbalordito dalla maleducazione dell’uomo verso la terra. Una delle cose che più mi ha colpito è che l’uomo molte volte distrugge la natura per ricavare denaro, così andiamo ad eliminare la bellezza del mondo oltre che a farci del male. Bisogna agire subito prima di fare un disastro, ma purtroppo ci sono persone che se ne fregano del cambiamento climatico… Quindi agiamo in fretta perchè il tempo rimasto è poco.

Martina Sorace
3 mesi fa

La lettura di questo libro non è cominciata con la migliore delle premesse. Ai miei compagni di classe che lo avevano letto prima di me non era piaciuto granché, probabilmente perché prevenuti trattandosi di un saggio. Per questo motivo mi sarei aspettata un libro lento e anche abbastanza noioso. Tuttavia, la prima volta che ho aperto e iniziato effettivamente a leggere il libro, l’introduzione ha da subito catturato la mia attenzione. Dopo aver letto le prime pagine avevo la sensazione che mi sarebbe piaciuto, e così è stato. Mi piace molto il fatto che siano presenti collegamenti tra pensieri e riflessioni profonde e cose semplici, come per esempio il ragù della nonna che viene citato all’inizio. Ma la cosa che mi è piaciuta ancora di più è l’effetto che si percepisce durante la lettura: sembra quasi di dialogare con gli autori del libro. Sembra di essere nel bel mezzo di un dibattito molto interessante sul cambiamento climatico. Nonostante ciò, è comunque triste riconoscere che le cose di cui si parla la siano tutte vere e che il nostro pianeta sia in grave pericolo. Tuttavia è comunque un modo per ricordare a tutti che questo problema non è risolto o sparito e che invece sta peggiorando sempre più.
In ogni caso, i titoli dei vari capitoli sono stimolanti e stuzzicano il lettore facendo aumentare la voglia di proseguire la lettura.
È un libro molto scorrevole, si legge con facilità e interesse, almeno nel mio caso.

Niccolò Casillo
3 mesi fa

Consiglio vivamente di leggere questo fantastico libro, soprattutto a quelle persone che non credono o in parte al cambiamento climatico. Combaciano perfettamente la parte scherzosa di Lorenzo Baglioni e la parte scientifica di Mario Tozzi. Tozzi in poche parole riesce a descrivere i problemi ambientali ai giorni nostri, sottolinea vari fenomeni causati dal surriscaldamento globale, con i loro relativi dati statistici, cosa dobbiamo fare noi per fermarlo e inoltre che abbiamo poco tempo per farlo!!

Sara Salmane
3 mesi fa

Un libro interessante e coinvolgente che discute di un tema che colpisce direttamente tutti noi. Secondo Mario e Lorenzo, se la storia della Terra avrebbe come durata un solo anno, noi avremmo a disposizione solo un’ora e mezza per salvare il pianeta. Esso è equivalente al tempo che ci impieghiamo a leggere questo libro. L’obbiettivo è sensibilizzare noi ragazzi, la nuova generazione, ma anche i più grandi ad avere uno stile di vita più sostenibile partendo dalle piccole cose quotidiane.
Nonostante sia un saggio e quindi possa apparire ai ragazzi troppo noioso e difficile, penso che possa aprirci gli occhi su una tematica che purtroppo è sempre lasciata in secondo piano.

error: